Diventare imprenditore: buone e cattive ragioni

Diventare imprenditore: buone e cattive ragioni

Aggiornato (settembre 2014): ho tenuto un discorso su questo argomento durante la prima lezione di Computer Science 183B a Stanford. Guarda il video se ti piacerebbe saperne di più sulla decisione di diventare imprenditore. Io ho solo aggiunto qualche slide in questo post sui topics più rilevanti.

Da poco abbiamo tenuto una sessione di Domande e Risposte all’Asana a cui ho partecipato con Ben Horowitz, Matt Cohler, e Justin Rosenstein. Marcus Wohlses da Wired era presente e ha scritto un articolo che tratta la nostra visone della cultura imprenditoriale nella Silicon Valley. Questo è un argomento importante, quindi voglio prendermi un po’ di tempo per chiarire che cosa intendiamo. Prima di farlo, mi piacerebbe enfatizzare che stiamo parlando esclusivamente della cultura Silicon Valley e non del più generico imprenditore di piccole realtà aziendali.  Quindi con il nostro pubblico di allora, con imprenditore si intendeva “l’imprenditore di una start-up tecnologica della Silicon Valley”.

 

Nonostante il contesto, è rimarcabile che noi tutti diciamo che “probabilmente” non dovresti essere un imprenditore, non che non dovresti esserlo in modo definitivo. Questa è una posizione esplicitamente direzionale; noi crediamo che ci siano troppe start-up e imprenditori nell’ecosistema della Silicon Valley, ma è molto diverso dal dire che non ce ne dovrebbe essere nessuno. Molte persone credono che ce ne dovrebbero essere di più, e noi controbattiamo questa visione. Per controbattere una visione estrema, di solito si tende a diventare estremi a nostra volta, e i media sicuramente lo fanno (il che è collegato al punto che ho cercato di fare nel mio ultimo post).

 

La ragione per cui ci piace diventare imprenditore è che siamo estremamente appassionati riguardo un’idea e che crediamo che fondare una compagnia è il modo migliore per portarla nel mondo. La passione è importante perché l’imprenditoria è difficile e dovrai essere in grado di resistere alla fatica, oltre che convincere gli altri ad aiutarti. Credendo che cominciare una compagnia è il modo migliore per portare la tua idea nel mondo è necessario assicurarsi che le risorse – includendo nel modo più importante il tuo tempo – siano usate nel modo migliore possibile. Di sicuro non tutti stanno veramente provando ad ottimizzare il loro impatto, ma molti imprenditori lo stanno facendo, dal loro inizio, e ciò che è importante per quelle persone che considerano questo punto di vista.

 

Se non stai provando a massimizzare l’impatto, allora sembra ragionevole assumere che stai invece provando ad ottimizzare le affinità con qualche tipo di preferenza su qualche stile di vita. Vuoi la libertà di scegliere come guadagnarti da vivere, senza considerare se è necessario fornire un grande ammontare di valore ad altre persone o forse è anche ridondante con qualcosa che esiste già. O vuoi estrema flessibilità nei tuoi programmi, che forse includono la possibilità di smettere di lavorare improvvisamente per lunghi periodi di tempo con un breve preavviso. O  vuoi lavorare su un certo tipo di problemi con un certo tipo di persone. Per molti tipi di preferenze, è facile che troverai una compagnia che te le garantirà, ma sicuramente cominciare una cosa tua è una grande scorciatoia e personalmente credo che sia completamente ragionevole. Mi piacciono le persone che stanno cercando di avere un grande impatto sul mondo, ma non è la sola scelta di cui valga la pena parlare, e non ho nessuna ragione per parlar male questo tipo di imprenditori.

 

Quindi con tutto questo in mente, qui ci sono alcune delle cattive ragioni per diventare un imprenditore di cui noi stiamo cercando di parlare:

 

  • Vuoi essere il capo di te stesso in una grande compagnia. Il CEO di Evernote Phil Libin l’ha descritto bene l’anno scorso:

 

Le persone hanno la visione che essere il CEO di una compagnia che hanno creato sia essere in cima alla piramide. Alcune persone sono motivate da questo, ma non è per niente come sembra.

Com’è davvero: tutti gli altri sono il tuo capo – tutti i tuoi impiegati, clienti, partner, utenti, media, sono i tuoi capi. Non ho mai avuto più capi e avuto più bisogno delle persone rispetto ad oggi.

La vita della maggior parte dei CEO è riferire a tutti gli altri, almeno questo è quello che io sento e quello che sentono la maggior parte dei CEO che conosco. Se vuoi esercitare potere e autorità sulle persone, arruolati o entra in politica. Non fare l’imprenditore.”

 

  • Credi che sia glamour. I media fanno un gran lavoro idolatrando vari imprenditori, incoronando Re e designando padrini di varie mafie, ma questa è tutta narrativa. La realtà sono anni di duro lavoro, attraverso i quali di solito non hai nemmeno idea se stai andando nella direzione giusta.
  • Credi di essere una persona di eccezionale talento e che questo sia il modo di massimizzare il tuo ritorno finanziario sulla tua bravura. Perché vorresti di più massimo ? Questa logia è bacata, dal momento che il centesimo ingegnere in Facebook guadagna di più che il 99% di tutti gli imprenditori della Silicon Valley. Piccole fette di torte giganti restano comunque anche loro giganti. Se hai un grande talento, puoi facilmente identificare una compagnia con un alto tasso di crescita e relativamente poco rischio ed ottenere un ottimo tipo di retribuzione. Se poi scoprissi che ti stavi sbagliando qualche anno dopo, puoi provare ancora. Entro 2 o 3 anni, e facilmente anche il primo, avrai un ottimo risultato e potrai avere fiducia di aver dato un grosso contributo in termini di valore prolungato nel tempo al mondo. Se invece provi a cominciare immediatamente “il nuovo Google o Facobook” c’è un’alta probabilità che fallirai completamente, o sarai costretto a fermarti per una quantità molto inferiore di soldi. Ci vorrà molto tempo per raggiungere il successo o il fallimento, quindi non hai molti tentativi.

Original article by Dustin Moskovitz, published by MEDIUM, the title “Good and Bad ideas to become an Entrepreneur.”
Link: https://medium.com/imho/good-and-bad-reasons-to-become-an-entrepreneur-decf0766de8d

Share this post

Leave a comment